Presentazione della fotografa Annie Leibovitz

Le foto di Annie leibovitz raccontare la storia della vita pubblica negli ultimi 40 anni e senza dubbio dargli lo status di più grande ritrattista nel nostro tempo.

Annie Leibovitz è diventata una leggenda vivente dalla Biblioteca del Congresso di Washington ed è stata nominato Commendatore dell'Ordine delle Arti e delle Lettere dal governo francese. Ha anche ricevuto un premio alla carriera dalCentro Internazionale di Fotografia.

 

foto Annie Leibovitz

Annie leibovitz Fotografo

annie leibovitz fotografo 2  annie leibovitz fotografo 5
Annie leibovitz è un fotografo americano contemporaneo che è meglio conosciuto per la sua ritratti di celebrità. Le sue immagini vogliono catturare personalità e la vita personale dei suoi motivi e mostrano ritratti intimi e momenti unici che mostrano sotto una luce divertente ed espressivo.

Le sue foto, spesso sotto luce drammatica, mostra celebrità nude, in bei vestiti, ricoperti di pittura o in vasche piene d'acqua o bagni di latte.

Il padre di Leibovitz aveva una carriera militare e sua madre era una ballerina. Annie leibovitz è nata a Waterbury, Connecticut, il 2 ottobre 1949. La famiglia viveva nelle Filippine nel 1967 quando Annie leibovitz si iscrive al San Francisco Art Institute (BFA, 1971), con l'intenzione di diventare pittore. Dopo aver frequentato un corso di fotografia notturna, tuttavia, è stata rapidamente assorbita dal mezzo.

 

Annie Leibovitz Fotografa

Annie Leibovitz Fotografa

Il lavoro diAnnie leibovitz

Nel 1970, ancora studentessa, riceve il suo primo incarico commerciale per il Rivista Rolling Stone : per fotografare John Lennon. Tre anni dopo, Leibovitz divenne il fotografo capo della pubblicazione, indirizzando le sue energie verso una presentazione unica delle principali personalità del musica rock contemporanea.

Nel 1975, ha documentato il tour di sei mesi di concerti in Nord America dei Rolling Stones, durante il quale ha scattato diverse foto ampiamente riprodotte del chitarrista Keith Richards e del cantante Mick Jagger.

Divenne anche dipendente dalla cocaina, un'abitudine che sviluppò alcuni anni dopo, quando entrò a far parte dello staff della rivista Vanity Fair.

 

fotografia di annie leibovitz

 

Forse la sua opera più famosa di questo periodo è un ritratto di Lennon e Yoko Ono apparso sulla copertina di Rolling Stone nel gennaio 1981.

Nella foto, scattata poche ore prima dell'assassinio di Lennon, il cantautore è nudo e avvolto come un feto intorno alla moglie completamente vestita.

Nel 1983, Annie leibovitz a produit un spectacle de 60 tirages qui a fait le tour de l’Europe et des États-Unis . Le livre d’accompagnement, Annie Leibovitz: photographies , fut un best-seller .

Nello stesso anno, è entrata a far parte di Vanity Fair, che ha ampliato il suo pool di argomenti per includere stelle del cinema, atleti e politici.

Per i suoi ritratti, Annie leibovitz - che ha considerato le sue sessioni fotografico come le collaborazioni - in genere trascorreva giornate osservando la vita quotidiana dei suoi soggetti e lavorando per farne ritratti unici e spiritosi, ognuno un distillato tecnicamente preciso.

 

annie leibovitz

 

Nel 1983 ha ricevuto il premio per il fotografo dell'anno dall'American Society of Magazine Photographers.

Ha iniziato a lavorare come fotografa commerciale nel 1986, ottenendo clienti come Honda, American Express (la campagna “Ritratti”) e Gap (“Individual de style”). La campagna pubblicitaria dell'American Express che ha utilizzato le sue foto ha vinto un Clio Award, riconoscendo l'eccellenza nella pubblicità in tutto il mondo, nel 1987.

Ha poi partecipato al California Milk Processor Board (la campagna "Got Milk?") e ha girato una serie di spot pubblicitari con celebrità come i personaggi Disney per i parchi a tema con lo stesso nome.

Nel 2011, ha fotografato sette migliori atlete per la campagna "Make Yourself" dell'azienda di abbigliamento sportivo Nike. Il suo stile in tutti questi progetti è stato caratterizzato da decorazioni accuratamente allestite, illuminazione superba e il suo uso di marchio di colori vivaci.

Nel 1991, Annie leibovitz ha avuto la sua prima mostra al museo; è diventata la prima donna e la seconda fotografa vivente ad esporre alla National Portrait Gallery di Washington, DC Un libro di accompagnamento, Photographs: Annie Leibovitz 1970–1990, è stato pubblicato nel 1991.

Ha anche meritato molti elogi per i suoi ritratti di olimpionici americani scattati per una mostra ai Giochi estivi di Atlanta del 1996, che sono stati successivamente pubblicati nel libro Olympic Portraits (1996).

Nel 1999 ha pubblicato una raccolta di fotografie intitolata Women, con un saggio dell'intellettuale e scrittrice Susan Sontag, che era la sua amante.

Nel 2000 Annie leibovitz fu tra il primo gruppo di americani a designare una Library of Congress Living Legend.

 

foto di annie leibovitz

 

Le pubblicazioni successive del suo lavoro includono American Music (2003); La vita di a fotografo: 1990-2005 (2006), che conteneva numerose immagini che documentano la vita personale diAnnie leibovitz; Annie Leibovitz al lavoro (2008); e Annie Leibovitz: Ritratti 2005-2016 (2017).

Il perfezionismo di Leibovitz nel suo lavoro (i budget sono esplosi e nessuna spesa risparmiata) e il suo stile di vita guidato dalle celebrità hanno avuto un ruolo nel produrre un debito di 24 milioni di dollari, per il quale è stata continuata nel 2009.

I successi della fotografa sono stati celebrati in Annie Leibovitz: Life Through a Lens (2009), un film documentario realizzato per la serie televisiva American Masters da sua sorella Barbara.

Durante le sue difficoltà finanziarie, Leibovitz ha iniziato a lavorare su un progetto personale, fotografando luoghi e oggetti che avevano un senso per lei, e le immagini sono state raccolte nel libro Pilgrimage (2011).

Richard avedon e Henri Cartier-Bresson ha influenzato il loro lavoro e le foto delle vacanze che ha scattato da bambina sono state il punto di partenza per il suo interesse per la fotografia.

 

fotografie di annie leibovitz

Annie Leibovitz Fotografa

 

Ha diretto il dipartimento fotografico della rivista Rolling Stone prima di essere la prima fotografa a contribuire alla nuova versione di Vanity Fair.

Le sue foto di celebrità - da Barack Obama a Lady Gaga - catturano la vita interiore e le personalità nascoste dei personaggi più famosi del mondo.

Oltre al suo lavoro editoriale, in particolare per Vogue, ha firmato diverse campagne pubblicitarie pluripremiate.

 

I ritratti di Annie Leibovitz

Le foto diAnnie leibovitz hanno il potere di immortalare non solo l'individuo, ma lo spirito di un'intera epoca, che si tratti delle star della musica Patti Smith, Sting, Bruce Sprinsteen o Adèle, delle modelle Kate Moss e Gisele Bündchen, o degli attori Johnny Depp, Keira Knightley e Scarlett Johansson .

 

foto di annie leibovitz

 

La sua serie Women, i suoi ritratti per Disney Dream, i suoi reportage sull'assedio di Sarajevo negli anni '90 e le sue foto di paesaggi dimostrano la portata della sua visione del mondo.

Se Leibovitz è diventato famoso negli anni '70, come racconta la sua autobiografia A Photographer's Life: 1990-2005, il suo lavoro non ha perso la sua rilevanza; ha recentemente fotografato figure come Mark Zuckerberg, definendo una nuova generazione attraverso il classico prisma della ritrattistica.

Le sue foto sono sia intime che iconiche, stilisticamente varie e tuttavia sempre sue. I suoi ritratti di personalità come Richard Nixon, John Lennon e Yoko Ono, Demi Moore, Susan Sontag, Whoopi Goldberg, Meryl Streep, la principessa Diana, Le pietre rotolanti, Principe, Mick Jagger o la regina Elisabetta II divennero le rappresentazioni ultime di ciascuno di loro. rivelano la loro natura e il loro rapporto con la fama.

Facebook ufficiale del fotografo: Annie leibovitz

 

Le eccezionali fotografie diAnnie leibovitz

  • Sonia Braga è stata fotografata per una campagna dell'American Express nel 1991.
  • John Lennon e Yoko Ono per la copertina di Rolling Stone del 22 gennaio 1981, scattata il giorno dell'omicidio di Lennon. Leibovitz la definì "la fotografia della mia vita" e la foto per la quale sarebbe stata ricordata.
  • Prigionieri della prigione statale di Soledad in California, ognuno abbracciato a un membro della famiglia in visita, ogni coppia in piedi a pochi metri l'una dall'altra, scattate nel Natale 1971.
  • Linda Ronstadt in mutande rosse, sul suo letto, alla ricerca di un bicchiere d'acqua in una copertina del 1976 per la rivista Rolling Stone.
  • Demi Moore è stata oggetto di due copertine di Vanity Fair di alto profilo scattate da Leibovitz: More Demi Moore (agosto 1991) con Moore incinta e nuda e Demi's Birthday Suit (agosto 1992), che mostra Moore nudo con un costume dipinto sul corpo.
  • Marion Cotillard per la collezione Autunno/Inverno 2009 di Lady Dior - borsa della campagna Lady Rouge e per la copertina di Vogue di novembre 2009 con il cast di nove.
  • Fleetwood Mac per un numero del 1977 della rivista Rolling Stone. Stevie Nicks e Mick Fleetwood sono raffigurati sdraiati insieme, così come Christine McVie e Lindsey Buckingham dall'altra parte del letto. John McVie viene mostrato mentre legge la rivista Playboy.
  • Whoopi Goldberg sdraiato in una vasca piena di latte, tirato dall'alto.
  • Christo, completamente avvolto, quindi lo spettatore deve prendere la parola dell'artista che Christo è effettivamente sotto l'involucro.
  • David Cassidy sulla copertina di Rolling Stone lo ritrae nudo dalla testa alla vita.
  • Dolly Parton vampira per la telecamera mentre Arnold Schwarzenegger flette i suoi bicipiti dietro di lei, in una trasmissione fotografica di Rolling Stone il 25 agosto 1977.
  • Dan Aykroyd e John Belushi nei panni dei Blues Brothers, con i volti dipinti di blu.
  • Keira Knightley e Scarlett Johansson, entrambe nude, con un Tom Ford completamente vestito, per la copertina di Hollywood Problem di Vanity Fair del marzo 2006.
  • Knut con Leonardo DiCaprio, una cover di Vanity Fair 2007.
  • La regina Elisabetta II in occasione della sua visita di Stato negli Stati Uniti nel 2007 e nel 2016 al Castello di Windsor per celebrare il suo novantesimo compleanno.
  • Jackie e Joan Collins in una limousine, Los Angeles 1987.
  • Sting, nudo nel deserto, ricoperto di fango per mimetizzarsi con lo sfondo.
  • Closeup ritratto di Pete Townshend incorniciato dalla sua mano sanguinante che gocciola sangue reale lungo il lato del viso. [85]
  • Ritratto e didascalia di "Fuoco" "Patti Smith prende fuoco".
  • Copertine degli album di Cyndi Lauper, She's So Unusual e True Colours.
  • Bruce Springsteen, nato negli Stati Uniti e copertine degli album Tunnel of Love.
  • Gisele Bündchen e LeBron James sulla copertina di aprile 2008 di Vogue America. ]
  • Miley Cyrus dalla foto di Vanity Fair in cui la star di 15 anni è apparsa semi nuda, causando polemiche.
  • Michael Jackson due volte per la copertina della rivista Vanity Fair, incluse altre fotografie di lui che non erano presenti sulla copertina della rivista.
  • Bill Gates per la copertina del libro di Gates, The Road Ahead.
  • La famiglia di Barack Obama alla Casa Bianca.
  • Johnny Depp e Kate Moss al Royalton Hotel, New York, nel 1994. Schiuma nuda sdraiata su un letto mentre Depp completamente vestita è sdraiata tra le sue gambe, coprendole l'addome.
  • Lance Armstrong va in bicicletta sotto la pioggia. È stato mostrato nel numero di dicembre 1999 di Vanity Fair. ]
  • Lady Gaga per Vogue e Vanity Fair.
  • Rihanna per Vogue nel 2011 e 2012.
  • Il cast di Les Misérables (Hugh Jackman, Russell Crowe, Anne Hathaway, Amanda Seyfried, Eddie Redmayne, Helena Bonham Carter e Sacha Baron Cohen) per Vogue nel 2012.
  • Benedict Cumberbatch per Vogue nel 2013.
  • Kim Kardashian, Kanye West e la loro figlia North per Vogue nel 2014.
  • Dane DeHaan per Prada.
  • Amy Van Dyken posa sott'acqua con i baffi da latte come parte della campagna del 1996 Milk Moustache.
  • Il casting di Star Wars: Il risveglio della forza per Vanity Fair nel 2015 e il casting di Star Wars: Gli ultimi Jedi per Vanity Fair [98] nel 2017.
  • Caitlyn Jenner per Vanity Fair nel 2015.
  • Mark Zuckerberg e sua moglie incinta Priscilla Chan nel 2015.
  • Adele per Vogue nel 2016.
  • Christopher Hitchens a cena la sera del suo matrimonio con Carol Blue. Usato sulla copertina del libro di Hitchens For the Sake of Argument.
  • Serena Williams sulla copertina di Vanity Fair agosto 2017, mentre era incinta.

 

 

ritratto di annie leibovitz

 

I premi di Annie Leibovitz

  • Dottorato honoris causa in Belle Arti 2018, Rhode Island School of Design
  • VAEA Paez Art Medal 2015
  • Premio Principe delle Asturie per la Comunicazione 2013
  • 2009 Centennial Medal e Honorary Fellowship dalla Royal Photographic Society (HonFRPS) in riconoscimento di un contributo significativo e sostenuto all'arte della fotografia
  • 2003 I Lucie Awards
  • 1999 ADC Hall of Fame

 

Bibliografia di Annie Leibovitz

  • Fotografie
  • Fotografie 1970–1990
  • "Danzatrici: fotografie di Annie Leibovitz"
  • "Progetto White Oak Dance: Fotografie di Annie Leibovitz"
  • Ritratti olimpici
  • Donne
  • musica americana
  • La vita di un fotografo 1990-2005
  • Annie Leibovitz: Al lavoro
  • Annie Leibovitz (libro in formato SUMO con 250 fotografie con un libro aggiuntivo con saggi di Annie)
  • Annie Leibovitz: Ritratti 2005-2016
  • Annie Leibovitz, ed. di Riitta Raatikainen, editore Helsinki City Art Museum, 1999

 


 

Eric CANTO Fotografo: foto di concerti, ritratti, copertine di album.

 

Visita il mio portfolio Visita il blog Visita il negozio contattami

 


 

 

 

 

Bonus: Intervista per la sua mostra agli incontri di fotografia di Arles

Annie leibovitz crea l'evento su Arles con la Fondazione Luma, che ha appena acquisito i suoi archivi. La famosa fotografa americana presenta The Early Years, una mostra dedicata ai suoi anni di apprendistato. Avrebbe potuto essere a New York o Los Angeles. Ma ad Arles, Annie Leibovitz ha svelato una dimensione senza precedenti del suo lavoro con The Early Years. La fotografa di 67 anni, conosciuta in tutto il mondo per i suoi ritratti di star pubblicati su Vogue e Vanity Fair, tra gli altri, era ancora una studentessa quando ha piazzato le sue prime commissioni per la giovane rivista Rolling Stone.

 

I primi anni hanno raccolto circa 3000 stampe... è enorme!

Annie Leibovitz: L'idea era di farti sentire sopraffatto. La fotografia ti dà l'opportunità di conservare tutte le tracce del tuo viaggio. Questi sono i miei primi anni. La mostra si rivolge a un giovane fotografo che capisce cos'è il lavoro e cosa significa fare carriera in questa professione.

 

annie leibovitz fotografo 1

 

Sei meglio conosciuto per i tuoi ritratti di stelle accuratamente allestiti. Tutte le foto di questa mostra sono state prese dal vero.

Annie Leibovitz: Il periodo del ritratto è iniziato nel 1983, quando sono stato assunto da Vanity Fair. Prima, il mio stile ha pagato. Dal 1968 al 1970, mentre studiavo al San Francisco Art Institute, ho imparato a portare con me una macchina fotografica ea scattare foto in ogni momento.

Alla fine della giornata, li ho sviluppati e li ho guardati. Ho continuato a lavorare così durante il mio primo contratto con la rivista Rolling Stone. È stato davvero... strano: ero un bambino, Rod Stewart è entrato e mi ha chiesto quale posa avrebbe dovuto assumere. Non stavo portando via. Quello che vedete in questa mostra è un fotografo in via di apprendimento.

Ho dato la mia vita, tutto quello che avevo, alla fotografia. Al punto da lasciarmi quasi la pelle lì durante il tour con i Rolling Stones nel 1975. Mi ci sono voluti diversi anni per riprendermi da questi eccessi.

 

Stavi cercando te stesso?

Annie Leibovitz: No… la foto è un derivato della realtà; ti allontana dalle cose. È quello che succede con gli smartphone, che danno la possibilità a tutti di scattare foto. Ma un fotografo non vuole? Certo. Quando guardo le immagini di giovani reporter pubblicate sul New York Times o sul Washington Post, scattate in condizioni estreme, lo trovo molto forte. Se fossi un giovane fotografo, questo è quello che mi piacerebbe fare: giornalismo.

 

Come hai progettato questa mostra?

Annie Leibovitz: Mi sono immerso nelle mie migliaia di provini a contatto e ho capito che non rappresentano “momenti decisivi”, come quelli di Henri Cartier-Bresson, che ammiro. Il mio lavoro è più diffuso. Quindi non ho cercato di isolare le inquadrature migliori, ma di presentarle come un film, un making-of.

Con la mia squadra, abbiamo affittato 1.000 metri quadrati nel Bronx e siamo andati avanti fotogramma per fotogramma. Ci sono voluti più di due anni, durante i quali ho lavorato anche per Vogue e Vanity Fair.

 

annie leibovitz fotografo 3

 

Hai detto che eri più interessato a quello che fanno le persone...

Annie Leibovitz: Sempre. Non ho mai saputo mettere in evidenza qualcuno, né la differenza tra il profilo "buono" e quello "cattivo". Alla fine mi sono trovato un po' d'accordo con l'illuminazione, anche se non sono un buon tecnico. Ho degli assistenti per quello. Guardo e compongo l'immagine, ma non mi piacciono i protagonisti. Sta a loro proiettarsi.

 

Quando hai deciso di consegnare i tuoi archivi alla Fondazione Luma?

Annie Leibovitz: Ho pensato all'eredità che volevo lasciare ai miei figli e ho iniziato a chiedermi dove i miei archivi potessero trovare il loro posto. Ho incontrato Matthieu Humery, direttore del programma degli archivi viventi della fondazione Luma, e sono venuto ad Arles dove ho scoperto il progetto di Maja Hoffmann: creare una piattaforma dedicata all'immagine in tutte le sue forme. È visionario. Mi è sembrato che sarebbe bello collaborare con questa nuova istituzione artistica molto innovativa, dotata di grandi risorse. Soprattutto perché amano il mio lavoro!

 

Mantieni i diritti d'autore e alimenti questi archivi?

Annie Leibovitz: Sì è importante, lavoro, non sono morto!

 

Altri articoli che potrebbero interessarti:
Pierre et Gilles: 30 anni di foto
Pierre et Gilles 30 anni di foto, mostre e pubblicazioni.

Dal 1976, il duo Pierre e Gilles sviluppa un'opera unica tra pittura e Leggi di più
Ross Halfin fotografo
ross halfin il fotografo

Presentazione del fotografo di concerti Ross Halfin Ross Halfin (nato l'11 agosto 1957) è un fotografo rock britannico Leggi di più

ROBERT DOISNEAU, L'OCCHIO MALE
Robert Doisneau fotografo 3

Robert Doisneau è un fotografo francese, nato a Gentilly il 14 aprile 1912 e morto a Parigi il 1 aprile Leggi di più

Martin Schoeller fotografo
Fotografo tedesco Martin Schoeller 1

I ritratti di Martin Schoeller I ritratti di Martin Schoeller sono noti per i suoi primissimi piani, con il tono, l'atmosfera Leggi di più

it_ITItaliano