Maniaco dell'isteria di massa è il settimo album che faccio per il gruppo di metallo francese Isteria di massa. È uscito su . Questo album è prodotto da Frédéric Duquesne e masterizzato da Ted Jensen.

Ho realizzato le foto e la grafica per questo album che è stato pubblicato in triplice copia. Una prima copia standard in digipack, un secondo artwork interamente realizzato per la serie limitata e infine un vinile con lì anche un artwork completamente diverso.

 

La genesi di Mass Hysteria Maniac.

Quando si lavora su un'opera d'arte, il concetto a volte accade per caso. L'idea di Maniaco dell'isteria di massa viene da una riunione di gruppo Isteria di massa. La prima opera d'arte che ho proposto non era adatta: troppo violenta. Bisognava trovare urgentemente una direzione. Cercavamo qualcosa che facesse risuonare l'album registrato, tuttavia le proposte di tutti non sono state unanimi.

 

Maniaco dell'isteria di massa

Mass Hysteria Maniac - Edizione Limitata

Maniaco dell'isteria di massa -Edizione limitata

Mass Hysteria Maniac - Edizione in vinile

 

Il punto di partenza di Mass Hysteria Maniac sono stati due disegni dell'illustratore Jean Luc Navette che erano al telefono di Yann, il chitarrista del gruppo. Ha mostrato questi disegni agli altri membri del gruppo: è stata presa la decisione di andare in questa direzione e creare una coppia. La band e io amiamo il lavoro di Jean Luc Navette, questo disegno di una donna e un uomo con gli occhi bianchi è stato il punto di partenza della riflessione.

È stato trovato un posto ( Hotel Providence a Parigi) e le riprese sono state organizzate a tempo di record. Avevo in mente l'idea di avere abbastanza materiale per lavorare su due atmosfere diverse. Il risultato sono tre diverse opere d'arte per Maniaco dell'isteria di massa a seconda del supporto (CD, Vinile, ecc.). Un risultato che vi ho lasciato scoprire sopra.

 

Foto dal servizio di Mass Hysteria Maniac.

Maniaco dell'isteria di massa
Maniaco dell'isteria di massa

Maniaco dell'isteria di massa

Maniaco dell'isteria di massa

Maniaco dell'isteria di massa

Maniaco dell'isteria di massa

Maniaco dell'isteria di massa

Maniaco dell'isteria di massa

Maniaco dell'isteria di massa

Maniaco dell'isteria di massa

Maniaco dell'isteria di massa

Maniaco dell'isteria di massa

Maniaco dell'isteria di massa

46nn  Isteria di massa maniaco opera d'arte foto eric canto 12

 

 

 

Tre anni dopo "Matière Noire", i MASS HYSTERIA tornano con un nuovo album dal titolo "Maniac". È probabilmente l'album più metal di tutta la discografia del gruppo. Energia e violenza, spiegate probabilmente da un'intensa tournée di tre anni. La produzione, ancora una volta firmata Fred duquesne che ha prodotto il quinto album di ISTERIA DI MASSA e il secondo come chitarrista.

 

La Tracklist di Isteria di massa Maniaco

01. Riprenditi la mia mente
02. Il mio Niac
03. Condividi le nostre ombre
04. La tana dell'etere celeste
05. Sciamano acido
06. Bruciati sicuramente
07. Blackjack
08. Aromi complessi
09. Dietro il fulmine
10. Siamo venuti per tenere alta la tua mente

 

maniaco dell'isteria di massa dura come una roccia

Duro come una roccia - ISTERIA DI MASSA Maniaca

Crediti da Isteria di massa Maniaco

Mass Hysteria, il gruppo

  • Mouss Kelai - voce
  • Yann Heurtaux - chitarra
  • Frédéric Duquesne - chitarra
  • Jamie Ryan - basso
  • Raphaël Mercier - batteria

Mass Hysteria Maniac è il nono album in studio della band industrial metal francese Mass Hysteria, pubblicato il 26 ottobre 2018. Album prodotto da Frédéric Duquesne alla chitarra. Masterizzato da Ted Jensen.

 

tour del tour maniaco dell'isteria di massa

TOUR MASS HYSTERIA MANIAC 2018- 2019

Data del tour maniaco dell'isteria di massa 

  • 06/10/2018 La Cartonnerie REIMS (51) / ESAURITO
  • 13/11/2018 La Poudrière BELFORT (90) / ESAURITO
  • 14/11/2018 Le Grillen COLMAR (68) / ESAURITO
  • 15/11/2018 La Chapelle des Trinitaires METZ (57) / SOLD OUT
  • 22/11/2018 Le Camji NIORT (79)
  • 23/11/2018 La Route du Son / Amplificatore BILLÈRE (64)
  • 24/11/2018 Le caféMusic 'MONT DE MARSAN (40)
  • 12/07/2018 Il Forum VAURÉAL (95) / FULL
  • 08/12/2018 Arcobaleno LIÉVIN (62)
  • 12/09/2018 L'Empreinte SAVIGNY-LE-TEMPLE (77)
  • 24/01/2019 109 MONTLUON (03)
  • 25/01/2019 Il Rio Grande MONTAUBAN (82)
  • 26/01/2019 Lo Bolegason CASTRES (81)
  • 14/02/2019 Carré Sam BOULOGNE-SUR-MER (62)
  • 15/02/2019 ARCADE NOTRE-DAME-DE-GRAVENCHON (76)
  • 16/02/2019 La Zucca SAINT-BRIEUC (22)
  • 28/02/2019 Le Chato'do BLOIS (41)
  • 03/01/2019 Big Band Café HÉROUVILLE SAINT-CLAIR (14)
  • 03/02/2019 L'Echonova SAINT-AVÉ (56)
  • 15/03/2019 Le Sonambule GIGNAC (34)
  • 16/03/2019 L'Usine ISTRES (13)
  • 21/03/2019 La Cartonnerie REIMS (51)
  • 22/03/2019 den Atelier LUSSEMBURGO (LUX)
  • 23/03/2019 La Madeleine BRUXELLES (BEL)
  • 24/03/2019 Al Narcisse VAL D'AJOL (88)
  • 28/03/2019 Il Noumatrouff MULHOUSE (68)
  • 29/03/2019 Château Rouge ANNEMASSE (74)
  • 30/03/2019 Le Fil SAINT-ÉTIENNE (42)
  • 06/01/2019 Plein Air de Rock JARNY (54)
  • 21-22-23 / 06/2019 Hellfest CLISON (44)
  • 12/06/2019 Zenith Parigi - La Villette PARIGI (75)

 


 

Eric CANTO Fotografo: foto di concerti, ritratti, copertine di album.

 

Visita il mio portfolio Visita il blog Visita il negozio contattami

 

La critica di Isteria di massa Mianiac di MetalBase

È ancora necessario fare le presentazioni quando viene menzionato il nome Messa? Leader del metal francese da più di vent'anni, è sempre con gioia non mascherata che mettiamo alle nostre orecchie un nuovo disco dei parigini. Tre anni dopo l'acclamatissimo “Dark Matter”, Isteria di massa torna sotto i riflettori con il suo nono album in studio: "Maniac".

Questo nuovo album farà parte della discografia qualitativa del gruppo? Da un lato, la prima cosa che stimola il nostro appetito e ci fa ascoltare di più è la cura della produzione. Sempre sotto la direzione di Fred Duquesne, anche lui chitarrista, il risultato merita applausi.

Il suono è di precisione chirurgica, le chitarre rispondono superbamente ai ritmi selvaggi della batteria di Raphaël Mercier. Il basso conferisce alle composizioni molta rotondità. Il La voce di Mouss, lo porta, tutta l'energia e la rabbia che lo conosciamo e dà ancora più valori al tutto.

Dopo Dark Matter, ampiamente acclamato dal pubblico, una maggiore presenza mediatica e un emblematico disco d'oro certificato da Contraddiction, non c'è dubbio che Mass Hysteria sia un orgoglioso rappresentante del patrimonio metal francese - se non rock - e che sia meritato. Per le masse, questo successo non è chiaramente una scusa per calmarsi o per attenersi a ciò che hanno imparato.

In effetti, il nuovo disco maniacale rischia di sorprendere con le sue ispirazioni più estreme, più pronunciate che mai, per dimostrare che non hanno perso nulla del loro niac.

Questo niac simboleggia soprattutto un principio che ha deliziato il gruppo per un quarto di secolo: quello della resistenza. Innanzitutto quella dell'individuo che sta affrontando se stesso, le sue emozioni, che deve cercare di gestire. Ciò è esemplificato dall'intrigante voce "riprendi i miei sensi".

Ma è difficile trovare il motivo quando siamo stati colpiti in modalità schiacciasassi dalle chitarre e da un rullante graffiante che apre l'album. Dove ovviamente vediamo lo spirito del combo è nella sua relazione con il collettivo.

Maniac incarna questa resistenza fraterna e in particolare il legame con il suo pubblico. Quindi, nella scena "condividi le nostre ombre", vedremo strizzatine d'occhio regolari che mantengono l'intensità impostata all'inizio dell'album. Al culmine della sua tecnica (impressionante su "Reprendre Mes Esprits"), il batterista Raphaël Mercier guida i riff in un groove massiccio, quasi tribale che afferra l'ascoltatore per il collo.

"L'Antre Ciel Ether" resta nel tema e richiama l'esigenza che lega Mass Hysteria alla loro passione e alla loro arte.

I combo incanalano la loro rabbia per farla esplodere chirurgicamente. "Ma Niaque" cercherà le sue influenze nel nervosismo del Thrash Metal e in particolare degli Slayer che incombe su tutto il ponte, anche nella canzone che sembra adottare una dizione specifica dello stile.
“Nerf De Bœuf”, in cui Mouss afferma che la sua “rabbia supera quella degli dei”, riporta in vita il Death Metal di Yann Heurtaux, come dimostra uno scambio di assoli infuriati old school.

Questa rabbia deriva anche dalle osservazioni sulla nostra società con una lotta contro l'ozio e l'ignoranza che domina lo spazio pubblico: “Acid Shaman” o gli inquietanti “Complessi aromi” con le loro chitarre afferrano “l'ascoltatore” e non lui.

Mass Hysteria, inoltre, non manca, come al solito, di esprimere risentimento contro i politici che sono "l'orchestra del Titanic", e chiude "Complex Aromas" con grida allarmanti, persino terribili. Ricorda però che la famosa resistenza non si può fare in ritirata e passività, quindi invita l'ascoltatore a guardare al futuro.

Un discorso che si trasforma in catarsi, con ritmi ovattati e drammatiche ripetizioni vocali.

Troviamo anche il gruppo su un terreno più sensibile con "Derrière La Foudre" che, quando l'intensità è onnipresente, usa pause e campionamenti "à la Mass Hysteria" per creare un ritornello inebriante in un registro più sentimentale.

La formula ripetuta alla fine "muori di paura, ma non muori" porta da sola tutta la finezza della penna di Mouss. Maniac si chiude con una piccola caramella elettronica/industrial vicino a un combichrist: "We Came To Hold Up Your Mind" che si distingue dal resto dell'album, per il suo tono oscuro, ma soprattutto ricorda le origini del gruppo.

In un certo senso, Mass Hysteria Maniac trasmette lo stesso messaggio di Army of Shadows e Dark Matter, ma riportando il punto a casa per usare i loro termini.

Se riesce a sorprendere per il suo temperamento, Maniac rappresenta in definitiva ciò che il gruppo incarna: un gruppo che si evolve nel tempo, che continua a ispirarsi al suo ambiente e che non decolla.

Altri articoli che potrebbero interessarti:
Prenota Mass Hysteria - 10 anni di Furia
libro isteria furia di massa

"E' una via crucis, una "remountada", che questo superbo libro ripercorre nel modo più bello. Leggi di più

ISTERIA DI MASSA MATERIA NERA
MATERIALE D'ARTE DI MASSA HYSTERIA NERO

MASS HYSTERIA MATière NOIRE: l'ottavo album del gruppo metal francese di punta, MASS HYSTERIA Matière noire è l'ottavo Leggi di più

L'isteria di massa Hellfest 2019
album dell'inferno di massa dell'isteria di massa 2019

Copertina dell'album per il gruppo Mass Hysteria Hellfest 2019. Felice di presentare la mia undicesima copertina per il gruppo Mass Hysteria. Leggi di più

Ghost: video, foto dal vivo, biografia...
banda fantasma

Fantasma, che cos'è? Ghost band è una band metal che si è formata nel 2006 nella piccola città Leggi di più

it_ITItaliano