ISTERIA DI MASSA MATERIA NERA : l'ottavo album

Gruppo di punta del metal francese, ISTERIA DI MASSA Materia oscura è l'ottavo album in studio, Matière Noire. Un vero allarme temporale in Francia. Originari della Bretagna, i Mass Hysteria sono uno dei principali gruppi metal francesi sia per la sua qualità che per la sua longevità. Nel 1993, il gruppo si è distinto dal loro primo album Le bien être et la paix (1997).

Grande suono, testi in francese, la band esplode con Contraddizione (1999), meno industrial e con più influenze hip-hop, nel 2001 il gruppo pubblica “From circles to circles”. Più atmosferico, anche un po' più venato di hip-hop, in particolare con Acid e Base de La Brigade, il gruppo delude alcuni fan, ma amplia il proprio pubblico con questo album. più accessibile ma di altissima qualità.

Nel 2005 è lo scontro. La band ha pubblicato un album con un titolo molto più pop-rock. Se apre loro le porte delle principali stazioni radio, questo album è ancora più confuso per i fan del gruppo. Alla direzione artistica non sempre compresa si affianca la produzione, che il gruppo ammette come un fallimento sonoro tra Metal e Rock, che cerca e non sempre si trova.

 

 MASSA-ISTERIA-MATERIA-NERO

Isteria di massa Materia Oscura - Credito fotografico Eric CANTO

 

L'album contiene alcune pepite (Poison d´asile) e una collaborazione con Miossec che firma alcuni testi per l'album. Vera audacia e voglia di evolvere. Nel 2007 tutto è tornato alla normalità con Una somma di dettagli. Tornando alle proprie radici stilistiche con ben digerite influenze neo-metal, il gruppo pone le basi dello stile che manterranno in due album successivi, “Failles (2009)” e il successore “L'armée des ombres (2012)” .

Dovremmo anche menzionare il video live del 2011, registrato a Bikinil, così come il primo album live (Mass Hysteria at Olympia) del 2013.

Più oscuro e più impegnato degli album precedenti", Esercito di ombre  Ha brandito il mantra del gruppo. Mentre l'impressione generale su questo album era tra rabbia e impotenza di fronte a un mondo che cambia e a coloro che lo plasmano, ISTERIA DI MASSA Materia Nera ti fa sentire come se stessi guardando confuso.

A differenza degli altri album, i testi delle ultime due opere sono più concreti e ancorati al presente, in particolare grazie all'uso di nomi e chiari riferimenti all'attualità ("Sans-dents")

 

 

In termini di suono, Mass Hysteria continua ad evolversi. L'album dà un posto d'onore ai nuovi arrangiamenti: armonica, violino, cori lirici, percussioni, pur mantenendo le folli macchine allucinatorie di L'armée des ombres.

Tutto questo crea nuovi titoli di grande successo (Vae Soli, Vector Equilibrium) e dona una nuova intensità al lavoro di Isteria di massa. Questo è ciò che rende questo album originale.

Il resto (strutture, chitarra-basso-batteria, testi…) è di altissimo livello, ma nel complesso rimane Mass Hysteria abbastanza classico degli ultimi album, ad eccezione di "more than metal", con un lato più fusion-industrial che ricorda i primi album.

Continuando i tre album precedenti, portando una nuova freschezza, Matière Noire riesce con testi incisivi e arrangiamenti perfetti che mettono sotto pressione costante l'intero album. La "materia oscura" è uno tsunami che difficilmente ti darà un momento di riposo per 50 minuti.

 

L'ISTERIA DI MASSA MATERIA NERA OPERE D'ARTE

Ci sono due versioni dell'album ISTERIA DI MASSA MATERIA NERA, una prima versione in cristallo e una versione limitata con un visual diverso e una guaina che include un gel pack. Questa versione limitata non verrà ristampata. Il libretto è da scoprire acquistando l'album.

Tanto lavoro ma un risultato che sembra piacere… Per Isteria di massa Materia oscura, la nuovo album del gruppo, l'idea originale era un visual trovato dal chitarrista del gruppo Yann HEURTAUX su internet: una faccia su uno sfondo marrone con l'inchiostro che scorre sul viso di una donna. Da questa base, ho organizzato uno scatto molto… disordinato dove ho usato questa idea iniziale con questa volta uno sfondo immacolato e il desiderio di declinare questa idea su ogni parte del corpo. Il risultato ha permesso una ricca opera d'arte e 3 diverse copertine.

ISTERIA DI MASSA MATERIA NERA Edizione da collezione limitata / Confezione speciale

Isteria di massa Materia oscura - Photo credit Eric CANTO

ISTERIA DI MASSA MATERIA NERA


Making-of dello shooting sulla materia oscura 

Isteria di massa Materia oscura - Photo credit Eric CANTO

Isteria di massa Materia oscura - Photo credit Eric CANTO

 

 

Elenco dei titoli dall'album MASS HYSTERIA MATIÈRE NOIRE :

- Cani da discarica
- Vae soli!
- Equilibrio vettoriale
- La nostra trama
- Speranza e rifiuto
- Tutto è veleno
- L'inferno degli dei
- Senza fiato
- Materia nera
- Più che metallo
- Madre di Iroise

 

Crediti dall'album MASS HYSTERIA MATIÈRE NOIRE :

  • Mouss Kelai - voce
  • Yann Heurtaux - chitarra
  • Frédéric Duquesne - chitarra
  • Vincent Mercier - basso
  • Raphaël Mercier - batteria
  • Eric Canto - Opere d'arte e foto

 

  • Versione 2015
  • Genere Industrial metal
  • Produttore Frédéric Duquesne
  • Etichetta Verycords

 

Recensione dell'album MASS HYSTERIA MATTIÈRE NOIRE di www.albumrock.net

Per due decenni, Mass Hysteria ha distillato la sua prosa ribelle ai suoi seguaci furiosi che non si accontentano di un centesimo nonostante due album recenti con un famigerato ritorno alla forma (Failles nel 2009 e L'Armée des Ombres nel 2012) e un'inversione di tendenza nel regole dell'arte di un'Olympia che porta ancora le stimmate dei devastanti decibel del gruppo.

Certi che questa Materia Oscura fosse attesa e l'arrivo di Fred Duquesne (Bukowski) alla chitarra prefigurava il passaggio di una fase aggiuntiva nella ricerca di una chimerica mostruosità sonora. Basti dire senza mezzi termini, il completamento è totale, il culmine finale e senza cadere in un elogio compiacente, possiamo senza dubbio annunciare che con Matière Noire Mass Hysteria sta semplicemente avendo il suo miglior album.

 

Isteria di massa Materia oscura - Photo credit Eric CANTO

Isteria di massa Materia oscura - Photo credit Eric CANTO

 

Difficile sapere da dove cominciare così tanto ISTERIA DI MASSA MATERIA NERA si impone come un successo assoluto a tutti i livelli. Questo è sicuramente il primo punto da sottolineare, inoltre, questo coerenza stilistica, musicale, anche filosofico, evolvendo verso questa rara coesione intrinseca a grandi, grandissimi album.

Mass Hysteria Dark Matter è un blocco di densità di osmio, una sorta di plasma omogeneo di oscurità inclassificabile che divide a turno undici grandiose tracce rubando la virtù del pezzo inconfondibile del disco. Mouss Kelaï, il carismatico frontman dei Mass Hysteria, ha recentemente dichiarato della mancanza di comunicazione che ha portato all'uscita ufficiale dell'album lo scorso ottobre: “Volevamo che la gente prendesse l'album in faccia. ". Possa questo coraggioso Mouss essere rassicurato, è fatto, e dannatamente ben fatto.

La collaborazione tra Duquesne e the Isteria di massa raggiunge il culmine con Matière Noire poiché l'identità sonora del gruppo si afferma con una qualità di produzione degna dei più grandi gruppi metal americani: rasentiamo il Killswitch Engage su "Our conspiracy" e il suo riff mentre legato a fiumi divertenti mentre ci delizia in questa grana del grande Slipknot di “Liberate” nell'eccellente release di “More than metal”. Il vizio è addirittura spinto fino a solleticare i Metallica nell'assolo epico di "Vector Equilibrium".

 

Isteria di massa Materia oscura - Photo credit Eric CANTO

Isteria di massa Materia oscura - Photo credit Eric CANTO

 

 

Raramente una produzione francese, masterizzata a New York da Ted Jensen (con un curriculum impressionante, Deftones e Pantera per citarne alcuni), avrà raggiunto questo livello di qualità del suono, questo equilibrio perfettamente bilanciato tra una sezione ritmica elefantina, chitarre soliste e vocalizzazioni audaci, viscerali, abitate.

Gli arrangiamenti sono sottilmente integrati a questo brillante recital di 50 minuti, che apre “Vae Soli! »Su alcune nebulose note elettroniche infantili, accompagnando l'inno« Più che metal »con stridenti tastiere metronomiche o addirittura apponendo un'opaca atmosfera industriale acuita sull'ottimo« Speranza e rifiuto ».

Da grande direttore qual è, Duquesne ha spinto l'isteria di massa nei suoi ultimi trinceramenti e ha finalmente dato al gruppo tutta la presenza sonora che merita, quella almeno pari all'eloquenza dei suoi testi sempre più infuriati, più impattanti, anche più personali.

 

Isteria di massa Materia oscura - Photo credit Eric CANTO

Isteria di massa Materia oscura - Photo credit Eric CANTO

 

Perché il gruppo è ben lungi dal rinnegare il suo credo ribelle, marchio di fabbrica dell'isteria di massa, che si addice perfettamente all'atmosfera sovraccarica dei suoi concerti. Mouss Kelaï ha sempre avuto cura di affinare le sue parole per trasformarle in slogan bellicosi cantati in coro oltre che in aspre critiche a una società che prende ancora tanto per il suo rango: “Democrazia autoritaria, questa è l'età dell'oro. miseria” lancia nell'eloquente“ Tutto è veleno ”.

 

MASSA-ISTERIA-MATERIA-NEROIsteria di massa Materia oscura - Photo credit Eric CANTO

Possiamo sentire il tono grave in Matière Noire, anche prendendo una piega patriottica disincantata in "Mère d'Iroise ("Mia madre d'Iroise, mia dolce Francia, mai sola con te, me ne vado"), evocando l'assenza di grande uomini del popolo in "La speranza e il rifiuto" ("Non vedo nessun nuovo Jaurès all'orizzonte! Dove sono i veri uomini dal basso?") come il revival della cultura francese citando apertamente l'Hellfest in "Più che metallo".

In questo nuovo album emana una feroce efficacia di Mass Hysteria tanto le parole si fondono nel paesaggio sonoro con questa dose di percussioni sufficiente a segnare gli animi senza disturbare la musicalità fluida e infernale del gruppo. L'inizio dantesco di Dark Matter rimane certamente il miglior esempio di rabbia rimbombante mescolata a quegli epici scoppi di distorsione che accompagnano i vigorosi colpi di Mouss: "Cani della spazzatura, sdentati, pazzi per la libertà".

Abbastanza per lanciare la macchina fino in fondo e sviluppare per undici tracce una potenza colossale che travolge l'ascoltatore. La forza di Dark Matter serve tuttavia a un destino intelligente, quello di segnare le orecchie tanto quanto le coscienze, quello di turbare le teste tanto quanto i cuori, quello di turbare la ragione tanto quanto le convinzioni.

 

 

Isteria di massa Materia oscura

Isteria di massa Materia oscura - Photo credit Eric CANTO

 

"Hell of the gods" è lo standard di questo album coinvolgente, provocatorio quanto basta per non cadere in una noiosa demagogia, ed evoca i guai del nostro paese ferito con il senso dei testi più efficaci: "Si l'inferno degli dei è il loro amore per gli uomini, l'inferno degli uomini è il loro amore per gli dei”.

Mali di parole, in un certo senso. Martellate in questo titolo con un ritmo marziale e una chitarra oscura ovattata, le parole di Mouss Kelaï assumono una dimensione profetica in questo pezzo che denuncia l'indottrinamento religioso e la folle oppressione tirannica degli intolleranti a qualsiasi forma di libertà.

Va da sé che durante il suo recente tour invernale, “Hell of the Gods” è stato uno dei momenti clou dei concerti dei Mass Hysteria, vedendo un pubblico ma sapiente e studioso abbandonare la solita follia per un ascolto ordinato, paradossalmente quasi religioso. Comunque sia, se Dark Matter dovesse raggiungere i posteri solo attraverso uno di questi pezzi, sarebbe chiaramente grazie a "Hell of the Gods", un'epica realizzazione musicale che sostituisce meravigliosamente lunghi discorsi. e così via.

Ma MASS HYSTERIA MATTIÈRE NOIRE raggiungerà i posteri ben oltre un singolo titolo in quanto l'album è ritagliato per essere suonato in concerto, sempre a volume molto alto ovviamente perché "Se il silenzio è d'oro, allora il rumore è metal" ("Più che metal"). Ogni titolo suggerisce un'ovvia proiezione della sua interpretazione dal vivo, in cui Mass Hysteria viene liberato da tutte le catene e offre con impareggiabile sincerità la sua musica rigenerativa. Sebbene ascolti Matière Noire, è difficile credere che il gruppo sia stato limitato in qualche modo.

Goditi tutto, non abusare di nulla. Tranne l'isteria di massa, la materia oscura. Veramente.

 

 

 

Eric CANTO Fotografo: foto di concerti, ritratti, copertine di album.

 

Visita il mio portfolio Visita il blog Visita il negozio contattami

 

 

Bonus: ISTERIA DI MASSA L'opinione di Materia oscura Daily Rock

I Mass Hysteria pubblicheranno un nuovo album "Dark Matter" il 23 ottobre e per questa occasione David e Dany hanno ascoltato le 11 tracce che compongono questo nuovo sforzo francese ed ecco cosa ne pensano. Artista: Mass Hysteria - Album: Matière noire Etichetta: Verycords - Data di uscita: 23 ottobre 2015 - Genere: Industrial metal.  Il gruppo francese Mass Hysteria è venuto a presentarci i suoi più grandi successi durante la sua visita a Foufounes Électriques lo scorso agosto.

I vecchi camionisti si sono poi esibiti in delirio ma nessuno poteva prevedere la sorpresa che ci attendeva all'uscita dell'album. Dico sorpresa perché probabilmente qui abbiamo diritto, con l'album MASS HYSTERIA Matière noire, al miglior album del gruppo in carriera. Posso già sentirti, gruppo di increduli, dirmi: “Meglio di Contraddiction (1999)? Impossibile".

Probabilmente riconosciuto dai fan come il miglior album del gruppo Contraddiction è un puro capolavoro, ma Matière Noire ha qualcosa in più. Un'atmosfera particolarmente cupa e aggressiva, ancor più di quella a cui ci ha abituato la band di Mouss Kelai negli ultimi vent'anni.

Il qualificatore "industrial" è ancora presente in alcune composizioni ma il mix trasmette suoni più elettronici in sottofondo per lasciare più spazio all'abrasività delle chitarre. Gli elementi elettronici sono più utilizzati per creare momenti epici che melodici, ad esempio durante i ritornelli di Vector balance dove le voci gregoriane aggiungono gravità alle parole. Anche l'opera teatrale L'Enfer des Dieux beneficia del tocco electro dandogli una nuova prospettiva più universalista, andando di pari passo con il tema (fanatismo religioso). 

Tuttavia, il gruppo tende ad allontanarsi dal classico sound rap-metal, sentito mille volte negli anni 90. MASS HYSTERIA La materia oscura è più vicina a certi suoni Trash, anche Hardcore. Alcune parti della chitarra suggeriscono un'influenza più vicina a Max Cavalera (ex-Sepultura, Soulfly), principalmente su Chiens de la casse, Tout est poison e À bout de souffle, che a quella di Tom Morello (RATM, Audioslave).

MASS HYSTERIA Dark Matter proietta il gruppo nella postmodernità con tutti i paradossi che ciò comporta. Questo album assicurerà i posteri dei Mass Hysteria e li registrerà negli annali come un gruppo di grande importanza libero e furioso, ma pieno di speranza e ambizione.

RIFIUTA E RESISTI !!! “Non dimentichiamo mai che siamo uno di quelli che mangiano la vita. "

Viva gli eretici. Viva coloro che camminano retti. Viva chi vuole un paese. Migliori titoli: Madre di iroise, Pleggere solo metallo, L'inferno degli dei

Testo: David Atman

Altri articoli che potrebbero interessarti:
Prenota Mass Hysteria - 10 anni di Furia
libro isteria furia di massa

"E' una via crucis, una "remountada", che questo superbo libro ripercorre nel modo più bello. Leggi di più

L'isteria di massa Hellfest 2019
album dell'inferno di massa dell'isteria di massa 2019

Copertina dell'album per il gruppo Mass Hysteria Hellfest 2019. Felice di presentare la mia undicesima copertina per il gruppo Mass Hysteria. Leggi di più

Ghost: video, foto dal vivo, biografia...
banda fantasma

Fantasma, che cos'è? Ghost band è una band metal che si è formata nel 2006 nella piccola città Leggi di più

Maniaco dell'isteria di massa
Mass hysteria maniac artwork foto eric canto 110 1

Mass Hysteria Maniac è il settimo album che sto facendo per la band metal francese Mass Hysteria. egli è Leggi di più

it_ITItaliano